Brigida

Me la ricordo bene, Brigida.

Nella stupidità ormonale tipica dei quattordicenni brufolosi l’avevamo soprannominata “Frigida”.

Nessuno di noi però aveva mai potuto verificarlo.

Brigida era la più bella di tutte, dimostrava più anni di quelli che aveva. Era più sveglia, ed era territorio di  caccia di quelli più grandi, quelli con la moto con la targa.

Tutti si prendevano una cotta per Brigida, prima o poi, tutti ci hanno più o meno provato, tutti ci hanno guadagnato un due di picche.

Per fortuna c’era Luisa.

Luisa non era bella come Brigida, ma non era certo da buttar via.

In compenso aveva tette grandi, più grandi di quelle di Brigida.

Le tette di Luisa erano un ottimo rimedio contro le cotte per Brigida.

Pubblicato da

Roberto Rota

Nasco fotografo, e lo faccio diventare un lavoro. In tarda età mi appassiono di informatica e networking, che prendono il sopravvento anche professionalmente. Ora mi occupo prevalentemente di consulenza e assistenza su WordPress, progetti web e comunicazione in rete.

Rispondi