Commedie e clienti che non lo erano

Ne avevo sentito parlare.

Non è che non ci credessi, e nemmeno li pensavo delle leggende metropolitane, semplicemente non mi era mai capitato di incontrarne uno per davvero.

Non sono i clienti che non ti pagano, ma quelli che cercano di farti lavorare gratis, scientificamente, è diverso.

Sono davvero fantasiosi, fossimo in una commedia sarebbero degni della migliore tradizione napoletana.

Ne ho incontrato uno, e si sta mettendo davvero d’impegno per scroccare il mio lavoro.

Fortunatamente (per me), ho una regola ferrea che mi impone di fermarmi dopo poche ore, molto poche, senza aver ricevuto un acconto di pagamento, e di non accettare promesse di pagamento a babbo morto.

Se fosse davvero una commedia napoletana, il sipario calerebbe con un saggio consiglio: statt accuort…

Pubblicato da

Roberto Rota

Nasco fotografo, e lo faccio diventare un lavoro. In tarda età mi appassiono di informatica e networking, che prendono il sopravvento anche professionalmente. Ora mi occupo prevalentemente di consulenza e assistenza su WordPress, progetti web e comunicazione in rete.

Un commento su “Commedie e clienti che non lo erano”

Rispondi