Twitter Unlimited

Prossimamente 140 caratteri reali, senza il limite delle menzioni, delle immagini dei retweet ed altro ancora.

OK questa cosa nuova di Twitter credo sia piacevole, in taluni casi pure utile, purché il limite dei 140 caratteri rimanga.

Ho digerito male il cambio di ordinamento, ma non sopporterei proprio il ritrovarmi con un altro Facebook e tutte le sue stronzate, uno basta e avanza.

Grandi verità

Dio e il Diavolo, un eBook per i terremotati

Nasce tutto su Twitter, incasso a favore dei terremotati dell’Emilia Romagna. Magari questi ci finiscono per davvero…

Un eBook da tenere sul comodino (ma come, non avete un comodino con un reader incorporato?), che addormentarsi con il sorriso fa bene e rende positivi.

6 Euri scarsi, spesi bene.

Tutta farina del sacco di @lddio e del @Dlavolo

Per ora lo si trova su Amazon  (Kindle) e su BookRepublic.

eBook "iddiozie & diavolerie"

Non mi ritwittano mai manco a pagarli, ma è una marchetta che faccio lo stesso, più che volentieri!

🙂

Grammatica allo sbando

E scrive pure dei libri…

Iniziative vignolesi

Un cinguettio su WordPress, direttamente con un link e senza plugin esterni. Una delle caratteristiche della nuova versione di WordPress. Ecco un esempio, tanto per non sparare a vuoto…

Non solo ciliegie. Un’interessante iniziativa vignolese (finalmente, verrebbe da aggiungere) che poteva essere curata e promossa con maggior entusiasmo.

Sarà per la prossima…

Il terremoto, twitter ed i media

Il popolare social netwok assolve i suoi compiti più lodevoli, in queste tragedie, ben prima che i giornalisti si sveglino e comincino a razziarne informazioni.

Amici e parenti che si rassicurano sullo stato di cose e persone, descrizioni in tempo reale degli accadimenti, notizie utili per chi deve in qualche modo convivere con quanto succede.

Ma i giornalisti incalzano, quelli stranieri lavorano, quelli italiani non si capisce:

@semerssuaq: lezioni di giornalismo: tv e radio straniere cercano di contattare gente che twitta dai luoghi del #terremoto, il TG1 telefona a Red Ronnie

Se poi Red Ronnie coglie l’occasione per ritirar fuori la storia dei Maya, era meglio se al TG1 intervistavano Topo Gigio.

Intanto, nella zona colpita dal terremoto, come sempre in queste situazioni il tempo sembra essersi fermato.

Torre dell'Orologio (o dei Modenesi) a Finale Emilia semi-distrutta dal terremoto

Foto: @Arsenico13 via Twitter